Il pacciamatore liquido e l’alga spirulina dalla Puglia a Milano

  • In BARI
  • sab 06 Maggio 2017
Il pacciamatore liquido e l’alga spirulina dalla Puglia a Milano
BARI La lavorazione del siero del latte (foto tratta dal sito www.bioinnotech.it)

Insieme con altre tre ‘invenzioni’ pugliesi saranno presentati all’evento internazionale dell'agroalimentare

BARI - La microalga spirulina “cibo del futuro” per l’alto valore nutrizionale da Grumo Appula, la bioraffineria per la produzione di biomasse microbiche ricavate dagli scarti del siero del latte da Rutigliano, le attività di ricerca per la coltivazione di canapa come risorsa industriale food e no-food da Conversano, mangimi a base di insetti da Manfredonia, ed il progetto per tutelare e valorizzare l’agro-biodiversità vegetale da Bari, sono le cinque innovazioni del settore agroalimentare pugliese che saranno presenti a Fieramilano, a Milano, in occasione di Seeds&Chips Global Food Innovation Summit dall’8 all’11 maggio prossimi.

L’innovazione nell’agroalimentare pugliese fa tappa con la Regione Puglia all’evento di rilevanza internazionale tanto da poter vantare di avere il 44° presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, come ospite d’onore.

L’obiettivo della partecipazione regionale è attrarre investimenti in Puglia, promuovendo i progetti più innovativi in un settore nel quale la nostra regione, già eccellente per la qualità delle materie prime, è anche un laboratorio straordinario di innovazione. Il Summit è infatti una vetrina d’eccezione interamente dedicata a mostrare soluzioni e talenti di tutto il mondo con la caratteristica comune di essere tecnologicamente all’avanguardia. L’evento riunisce da una parte scienza, ricerca e innovazione applicata al settore agroalimentare e dall’altra il mondo imprenditoriale e dunque gli investitori. Un contesto, questo, nel quale l’Italia, dopo Expo Milano 2015 dedicato alla nutrizione del pianeta, è chiamata a svolgere un ruolo di primo piano.

La Regione Puglia sarà rappresentata dall’assessore alle Politiche giovanili, Raffaele Piemontese, e dall’assessore allo Sviluppo economico Loredana Capone. Quest’ultima, in particolare, interverrà alla conferenza “Going forward by going back” per parlare di cibo e nutrizione frontiera essenziale di ogni sforzo della politica. La Puglia, afferma Capone, non può mancare all’appuntamento visto che incide per l’11% sulle esportazioni agricole nazionali ed è un laboratorio straordinario di innovazione anche in ambito agroalimentare. A dimostrarlo sono le aziende che saranno ospitate nello stand caratterizzate dalle produzioni altamente innovative e promuoveranno, a livello internazionale, le loro produzioni e cercheranno di attrarre il giusto interesse per investimenti in Puglia.

Tra i progetti più innovativi, secondo l’assessore Piemontese, c’è quello di due ragazzi pugliesi che hanno scoperto come creare un pacciamatore liquido riciclando il materiale di scarto di aziende agricole e casearie. L'idea è sostituire i comuni teli in plastica o tessuto, poco traspiranti e, in alcuni casi, tossici.

I sei progetti che saranno presentati a Milano nei prossimi giorno fanno parte dei 157 scaturiti dalla sfida dell’innovazione in tema di produzione e distribuzione alimentare, focalizzato da Expo 2015, e raccolta dai giovani a cui la Regione Puglia ha indirizzato "PIN - Pugliesi Innovativi", il programma a sportello con cui si finanziano, fino a 30 mila euro, idee imprenditoriali di giovani da 18 a 35 anni, accompagnandoli con un set di servizi. "Seeds & Chips", per questi primi sei progetti, sarà l’occasione per cominciare a sperimentare seriamente vitalità e forza dell'intuizione che la Regione Puglia sta sostenendo, attraverso le Politiche Giovanili e l'Agenzia Regionale per la Tecnologia e l'Innovazione.

Le aziende nello stand regionali sono la Apulia Kundi di Grumo Appula, vincitrice di Principi Attivi 2012, con la microalga spirulina caratterizzata per l'elevato valore nutrizionale e un basso impatto ambientale tale da essere definita dalla Fao "il Cibo del futuro". La SpirulinaK prodotta a Grumo è naturale e pura al 100%, insieme con cibi funzionali a base di Spirulina; fornisce, inoltre, servizi di supporto all'innovazione e di accompagnamento alle imprese a carattere innovativo per lo sviluppo di nuove economie come l'algacoltura (per saperne di più vedere il sito web http://www.apuliakundi.it). La BioInnoTech srl di Rutigliano, vincitrice di Start Cup Puglia 2016, è nata dall’idea di 4 biotecnologhe che hanno avviato un’attività ispirata alla bioraffineria, puntando alla riqualificazione di scarti del territorio. Partendo dal siero di latte, scarto abbondante in Puglia, BioInnoTech offre biomasse microbiche utilizzabili per produrre pane, birre e mangimi per animali e e proteine con applicazioni nutraceutiche (ulteriori informazioni sono pubblicate sul sito internet http://www.bioinnotech.it). Canapuglia di Conversano, vincitore di Principi Attivi 2010, è invece è un'associazione culturale che da anni contribuisce alla reintroduzione della coltivazione della Canapa in Italia, favorendo la ricerca, gli investimenti e la regolamentazione del settore. Gestisce una fattoria dove organizza corsi di formazione e servizi di consulenza personalizzati per i diversi ambiti d’applicazione della risorsa canapa ed un concept-store, dove il cliente può trovare le mille forme della Canapa sotto il profilo food e no food (http://www.canapuglia.it). Dalla Diptera di Manfredonia, vincitrice di Start Cup Puglia 2014, arrivano gli ingredienti per mangimi a base di insetti, un'alternativa sostenibile per sostituire gli ingredienti a base di pesce. Gli insetti vengono allevati in locali ad atmosfera controllata e nutriti con gli scarti vegetali delle vicine aziende agroalimentari, riducendo così lo spreco e l'inquinamento; da essi si ricavano proteine e grassi utilizzati nei mangimi per animali da compagnia, pesci e presto anche per suini e avicoli. L'azienda ha sviluppato un processo altamente automatizzato che permette di produrre questi prodotti in quantità elevate e con standard di sicurezza altissimi (http://www.dipteranutrition.com). Infine da Ortinnova di Bari, vincitrice di Principi Attivi 2012, nata nel 2013 con il principale scopo di tutelare e valorizzare l’agro-biodiversità vegetale e le risorse genetiche naturali pugliesi e di promuovere la ricerca scientifica e l’applicazione di innovazioni in orticoltura, ha avviato una rete di collaborazioni con enti pubblici e privati per svolgere attività di progettazione, realizzazione, gestione e sviluppo promuovendo attività di ricerca scientifica e sviluppo di prodotti agroalimentari tradizionali e innovativi. Organizza, inoltre, attività di educazione e formazione in ambiti inerenti l’orticoltura, l’agricoltura, l’ambiente, l’alimentazione e la qualità dei prodotti agroalimentari (http://www.gustailbiodiverso.com)