Nel porto emozionanti gare di Offshore e Hydrofly

Nel porto emozionanti gare di Offshore e Hydrofly

Con gare del Coni per il titolo nazionale dei ragazzi under 15 e gare internazionali per tutti gli altri

BRINDISI - Sono stati 4 giorni intensi di adrenalina ed emozioni varie, mescolate tra sport acquatici moderni e tradizioni agronomiche del territorio, quelli vissuti a Brindisi, sul lungomare Regina Margherita dal 14 al 17 luglio scorsi, dove si sono svolti, in contemporanea, il Trofeo Internazionale Offshore ed I Sapori del Mediterraneo.

Le competizioni sportive ad alta velocità ed acrobazie spettacolari sull’acqua hanno attirato migliaia di spettatori e tifosi per il Trofeo Città di Brindisi Hydrofly, il Campionato italiano GT15, Suzuki FIM Pro e il Trofeo Coni-Festival dei Giovani. Le gare si sono svolte nelle ore di luce, ma la sera è stato dato libero spazio alla tradizione enogastronomica, con stand, degustazioni, laboratori, musica live e animazione, per emozioni tutte da vivere, fino a tarda notte.

Spettacolo, azione e gusto si sono ben combinate per un unico grande evento in riva al mare.

Italy Boat Racing (IBR), la macchina organizzativa del Circolo Nautico Porta D’Oriente, è riuscita a regalare spettacolo a tutti coloro che hanno raggiunto il lungomare brindisino per assistere alle gare sportive organizzate nell’ambito della Brindisi Offshore Racing 2016.

Le imbarcazioni che, normalmente competono in mare aperto, si sono qui sfidate nelle acque del porto interno. Ed è questa stata la prima novità per la competizione di Offshore ed anche la prima sfida, soprattutto per gli organizzatori.

Ma ciò che forse ha più entusiasmato gli spettatori è stata la gara di Hydrofly, l’attività sportiva che, con l’aiuto di una moto d’acqua ed un apparato jet collegato ad un tubo, consente a chi indossa le scarpe da wake board, e con la giusta pressione, di effettuare evoluzioni acrobatiche ed idrodinamiche sull’acqua.

La premiazione si è svolta davanti ad un pubblico entusiasta e, forse, ancora incredulo per aver assistito così da vicino a gare mozzafiato. Ai piedi della scalinata Virgilio hanno ricevuto medaglie e coppe, ma soprattutto applausi oltre 24 per le 8 categorie sportive in gara.

Ecco l’elenco dei premiati come da elenco pubblicato sul sito web http://ibracing.eu/:

Per il Trofeo Coni Cat. B (10-11 anni) il primo classificato è stato Mario Gnoni, seguito da Matteo Penta ed al terzo posto Nicolò Giosa; per il Trofeo Coni Cat. A (12-13 e 14 anni) il primo posto è stato conquistato da Michelangelo Di Leo, seguito da Giuseppe Riccardo Danese e terzo Rosa Maria Barretta. I primi due classificati di queste categorie parteciperanno alla finale nazionale in programma a Cagliari dal 21 al 25 settembre prossimi. Per il GT 15 il gradino più alto del podio se l’è aggiudicato Massimiliano Testa, seguito da Ottavio Petrone. Per l’Hydrofly il migliore acrobata sull’acqua è stato giudicato Cristiano Perseu, seguito da Andrea Salamina e terzo Luigi Natale. Per l’Offshore in Gara/1 questa la classifica finale: al primo posto Barlesi/Barone, seguiti al secondo posto da Capoferri/Capoferri ed al terzo da Bellizzi/Baglione; in Gara/2 ancora un primo posto per Barlesi/Barone seguiti da Lopiano/Carli secondi e Calò/Schiano terzi; mentre nella Gara 2 (Classe 3000) il primo posto lo ha conquistato la coppia Testa/Testa, seguita al secondo posto da Capoferri/Capoferri ed al terzo da Bellizzi/Baglione; per la Gara/2 (Classe 5000) il gradino più alto del podio lo hanno raggiunto Barlesi/Barone, seguiti da Lopiano/Carli e da Calò/Schiano.

L’appuntamento per tutti è al prossimo anno sempre nel porto di Brindisi.

Le foto pubblicate sono di VeGShootsSports, altre le trovate pubblicate sulla pagina Facebook
https://www.facebook.com/VeGShootsSports/?fref=pb&hc_location=profile_browser


Articoli più letti