Pasta alla crudaiola barese

Pasta alla crudaiola barese

Specialità culinaria di Bari adatta soprattutto d’estate e per una cena con amici

di Anna da Bari

INGREDIENTI
500 g di pasta di semola di grano duro (se possibile penne rigate)
20 pomodorini circa ciliegino o fiaschetto
foglie di basilico
350 g di ricotta marzotica (o dura per chi non fosse a Bari)
olio extravergine di oliva
1 spicchio di aglio
sale fino q.b.
sale grosso q.b.

PREPARAZIONE
Iniziare preparando il condimento. Lavare i pomodori e tagliarli a filetti o pezzettini piccolissimi e metterli in una ciotola capiente. Condirli con un pizzico di sale ed olio abbondante ma senza esagerare. Aggiungere qualche foglia di basilico intera, una bella grattugiata di ricotta marzotica. Se piace lo spicchio d’aglio triturato o intero. Non mescolare. Coprire con carta pellicola e porre nel frigo per almeno due ore. In questo modo il sugo di condimento si insaporirà meglio.

Al momento di andare in tavola, mettere a bollire l’acqua per la pasta. Quando bolle salare con sale grosso e cucinare la pasta. Nel frattempo uscire il sugo dal frigo. Togliere le foglie intere del basilico che si sarà annerito e appassito e sostituirlo con altre foglie fresche tagliate a pezzettini. Togliere lo spicchio d’aglio, se aggiunto intero. Aggiungere un altro po’ di ricotta marzotica e mescolare delicatamente.

Scolare la pasta, metterla sotto l’acqua fredda per fermare la cottura e raffreddarla un po’, e metterla nel condimento. Aggiungere altro olio evo ed un’abbondante spolverata di ricotta marzotica. Prima di mescolare il tutto aggiungere due cucchiai di acqua di cottura (ma solo se si vuole il sugo più lento). Servire ancora tiepida con un’altra spolverata di ricotta marzotica.