Un altro passo per realizzare la nuova sede dell’Accademia delle Arti

  • In BARI
  • ven 12 Marzo 2021
Un altro passo per realizzare la nuova sede dell’Accademia delle Arti

Incontro tra progettisti e Amministrazione comunale su primo progetto

BARI - Il parco nell’ex Caserma Rossani è praticamente pronto ed è in attesa dell’inaugurazione e di essere aperto al pubblico, cosa che potrebbe avvenire prima della prossima estate, così come sono quasi ultimati i lavori di riqualificazione degli edifici che ospiteranno il polo bibliotecario, che dovrebbe essere completato per la fine del 2021 con arredi e fondo librario.

Nel frattempo iniziano nuovi progetti per ulteriori lavori finalizzati a far rinascere questa parte della città di Bari, abbandonata da diversi decenni. Nei giorni scorsi si è svolto l’incontro tra il sindaco di Bari Antonio Decaro e l’assessore ai Lavori Pubblici Giuseppe Galasso, i responsabili degli uffici tecnici comunali, ed i progettisti del raggruppamento temporaneo di professionisti che si è aggiudicato il concorso per la progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva dell’Accademia di Belle Arti. Presenti pure i rappresentanti del coordinamento della sicurezza in fase di progettazione per i lavori di realizzazione della sede dell’Accademia. L’intervento interesserà i tre edifici sottoposti a vincolo di tutela, contrassegnati dalle lettere D, E e H, nella zona compresa tra corso Benedetto Croce, via Giulio Petroni e via Gargasole. Lavori che sono richiesti con una certa urgenza in quanto la sede attuale dell’Accademia, in via Re David, non è adeguata.

I nuovi spazi saranno previsti su 8.420 metri quadrati e come da progetto elaborato da Invitalia spa (approvato dalla giunta comunale) e, come da linee guida discusse per l’occasione (tra spazi interni e spazi esterni), riguarderanno tre edifici con progetti per le singole funzioni. In particolare ci si è soffermati sull’utilizzo dello spiazzo centrale, ex piazza d’Armi, insistente tra le tre palazzine e da destinare alla fruizione sia degli studenti dell’Accademia sia dei cittadini realizzando una piazza con aree a verde.
replica orologi
L’Accademia delle Belle Arti, all’interno dell’ex caserma Rossani, sarà facilmente raggiungibile essendo in luogo strategico per la vicinanza alla Stazione ferroviaria centrale e fermate bus extraprovinciali ed extraregionali. I tre edifici D, E e H, saranno riqualificati e diventeranno parte di un progetto più grande, il Polo della cultura. Ai progettisti è stato chiesto di fare in modo che i luoghi fossero permeabili dall’esterno e connessi tra loro in modo che i cittadini, sia che si trovino all’ingresso di via De Bellis sia a quello di parco Gargasole, possano percepire un unico luogo dedicato all’arte, alla cultura, al tempo libero e al verde. Ci sarà poi da discutere sull’analisi delle distribuzioni interne e la riflessione su come le diverse funzioni dell’Accademia si suddivideranno tra i tre diversi plessi per procedere nella definizione del progetto preliminare. L’obiettivo dell’Amministrazione comunale è quello di avere il progetto preliminare entro l’estate 2021 per poi avere quello definitivo e l’esecutivo entro fine anno, così da poter indire i lavori, per i quali c’è già copertura economica, nei primi mesi nel 2022.