Cinque Comuni pugliesi ottengono la bandiera ‘Spiga verde’

Cinque Comuni pugliesi ottengono la bandiera ‘Spiga verde’
CASTELLANETA La campagna che circonda la città di Valentino (foto concessa per la pubblicazione gratuita alla stampa dal Comune di Castellaneta)

Assegnata da Fee e Confagricoltura alle località rurali

BARI - Tra i 46 Comuni italiani rurali che sono stati premiati per aver saputo coniugare il rispetto dell’ambiente con la qualità della vita dei residenti ci sono 5 città della Puglia. Sono Andria, Bisceglie, Castellaneta, Carovigno e Ostuni. Due città in più rispetto allo scorso anno. Le new entry sono infatti Andria e Bisceglie, per le altre tre si tratta di importanti riconferme.

Ai comuni rurali, dal 2016, viene assegnata la bandiera con la Spiga Verde, dopo valutazione di una commissione nazionale formata da esperti di tre Ministeri (Agricoltura, Ambiente e Culturali), Corpo Forestale, Cnr, Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambeintale, nonchè Fee (Foundation for Environmental Education) Italia e Confagricoltura che sono sostenitori dell’iniziativa. Si tratta di un riconoscimento ufficiale per essere riusciti ad coniugare rispetto dell’ambiente con la crescita economica e sociale, tenendo presente l’educazione allo sviluppo sostenibile e il corretto uso del suolo, la presenza di produzioni agricole tipiche e l’innovazione in agricoltura, la qualità dell’offerta turistica, la presenza di impianti di depurazione, la valorizzazione delle aree naturalistiche, lì dove esistenti, e l’accessibilità a tutti. Una garanzia per i turisti ed i residenti che amano la vite semplice, il cibo di qualità, aria, terra e acque non inquinate, attenzione all’ambiente con vari accorgimenti tra cui la raccolta differenziata.

A Castellaneta, tra i ‘campioni’ italiani di sostenibilità, il vessillo con la Spiga Verde 2020, sventolerà sul pinnacolo del Municipio, come sigillo di qualità e di comportamenti virtuosi in termini di agricoltura sostenibile e qualità della vita. «Siamo orgogliosi di ricevere queste importanti riconoscimenti – ha commentato il sindaco di Castellaneta Giovanni Gugliotti - perché sono importanti in termini di marketing per i nostri operatori turistici e per le aziende agricole, che possono fregiarsene sui loro prodotti, ma anche per confermare il percorso di gestione del territorio che l'intera Amministrazione comunale ha intrapreso, che punta a valorizzare le naturali vocazioni del territorio, come turismo e agricoltura, salvaguardando la sostenibilità, la partecipazione pubblica, la gestione dei rifiuti attraverso la raccolta differenziata, la valorizzazione delle aree naturalistiche e l'innovazione in agricoltura: un patrimonio di valori e buone pratiche che deve essere il motore del nostro rilancio».